Se vuoi vendere il tuo oro al miglior prezzo DEVI necessariamente diventare un venditore. Ecco come…

RamboVuoi ricavare molto di più dalla vendita dei tuoi gioielli? Allora prova questa strategia a prova di bomba…

Quando la gente ha iniziato a vendere il proprio oro per avere in cambio denaro contante, era veramente abbandonata a se stessa.

Persa in una giungla piena di predatori che non aspettavano altro che varcasse la soglia del loro negozio per papparseli in un boccone.

Il povero cliente di turno si trovava spesso in confusione tra tecniche di compravendita subdole e ai limiti della legalità (e spesso palesemente al di fuori) e si ritrovava vittima di quotazioni molto più basse del reale e pesanti rosicchiamenti di peso sui grammi effettivi venduti.

Purtroppo questo scenario (inutile che ti indoro la pillola) è esistito sul serio e ancora c’è.

Gira ancora chi ti promette quotazioni che non stanno né in cielo né in terra, tipo 40/50 euro al grammo, per poi scoprire che potrai avere quel prezzo solo se:

  • porti in permuta gioielli di Tiffany (o Bulgari, o Cartier ecc.) originali di un certo anno, con scatola, garanzia, certificazione
  • glieli porti camminando all’indietro sulle mani mentre tieni in equilibrio sulla testa un servizio di piatti di porcellana facendoli ruotare tipo cirque du soleil recitando a manetta “tre tigri contro tre tigri”
  • dici pure grazie sennò s’incazzano.

Assurdo, no?

Eppure negozianti così sono esistiti ed esisteranno sempre e questo soltanto perché nessuno ti ha mai dato le giuste armi per cavartela da solo e rimetterli al loro giusto posto.

Quello che potrebbe fare al caso tuo è avere una strategia, un modo semplice e veloce per essere in grado di non essere ingoiato e fatto a pezzi da questi pescecane travestiti da negozianti.

Prima che imprenditore sono stato venditore (e lo sono tuttora). Conosco bene come ragionano i venditori e di conseguenza i negozianti. Per la prima volta puoi avere a disposizione informazioni preziose che se usate bene, possono diventare armi micidiali per portare la trattativa dalla tua parte.

La prima cosa che devi fare è scolpirti a fuoco nella mente che in una qualsiasi trattativa, che sia per comprare le mele al mercato o per comprare una casa, di venditori ce ne sono due.

Chi vende e… chi compra.

Si, hai capito bene.

Per come la vedo io, una trattativa è veramente alla pari e dà soddisfazione ad entrambe le parti solo quando pure il compratore è in grado di controbattere e demolire le varie obiezioni che fanno parte della nobile arte del “trattare”.

Perciò quello che devi tenere bene in mente per avere una trattativa vincente quando vendi il tuo oro è che anche tu, in un certo modo, devi diventare un venditore.

Quando senti la parola “venditore” la prima immagine che ti salta in mente è il povero cristo incravattato con valigetta che con 40 gradi o con la tormenta di neve, ogni tanto ti citofona e ti propone il Folletto?

Immagino di sì e credo pure che ogni volta che succede ti ritrovi a pensare “che pena che mi fa, ma perché non si trova un lavoro vero, più gratificante?”.

In altre circostanze invece vedi il venditore come quello che vuole a tutti i costi appiopparti un set di pentole, per poi vederti recapitare a casa anche una bicicletta, una materasso, un coccodrillo gonfiabile e un pedalò giallo fluo. Tutto pagabile in 1360 comode rate mensili.

In ogni caso, ora nella tua testa l’equazione è chiara:
VENDITORE = SFIGATO o IMBROGLIONE.

Questo succede perché in Italia la Vendita con la “V” maiuscola la conoscono in pochi e quindi per la maggior parte dei venditori in circolazione è facile incorrere in errori grossolani che li portano a vagare in strada come disperati cercando clienti porta a porta.

E la reputazione del VERO venditore ne risente.

Comunque, non è questa l’occasione giusta per parlarti di tecniche di vendita professionali.

Se vuoi, puoi approfondire l’argomento e farti un giro su questo blog numero uno del settore: www.venditorevincente.com ma per quello che ci interessa ti basta sapere che la vendita è qualcosa che si impara e che, se applicata con il giusto metodo, può portare a grandi risultati.

Infatti, possiamo prenderne i tratti più generali e applicarli alla questione saliente che ti ha portato fino a qui, e cioè: vendere al meglio il tuo oro… e le uniche cose che devi tenere a mente per essere un venditore d’oro coi fiocchi sono:

  1. Assimilare informazioni.
    Leggere tutti gli articoli del mio blog per conoscere ciò che vendi è indispensabile per condurre la trattativa dove vuoi tu e il mio blog ti fornisce le armi di battaglia adatte per non restare a bocca aperta e ribattere a tutte le obiezioni del Compro Oro di turno.
  2. Avere un atteggiamento disinvolto e padrone della situazione.
    Sarai disinvolto solo se sai di cosa stai parlando perciò, se salti il punto 1, addio pure al punto 2!
  3. Avere chiaro in mente il tuo obiettivo.
    Scolpisciti in fronte queste parole:
    “Io ho l’oro che lui vuole nella mia borsa. Lui ha i miei soldi nel registratore di cassa. Non me ne vado finché non facciamo lo scambio a modo mio.”

Solo così troverai la motivazione necessaria per vincere e portarti a casa un bel bottino.

E se stai pensando che non ne vale la pena, che tanto di Compro Oro ce ne stanno tanti e che non ha senso sbatterti ad imparare queste cose quando ti basta semplicemente cambiare negozio, stai facendo l’errore che fanno tutti quelli che vendono il proprio oro e poi si lamentano di come è andata.

Non voglio assolutamente che tu faccia l’errore che fanno tutti, e cioè andare vagando di Compro Oro in Compro Oro sperando prima o poi di ottenere più o meno un prezzo accettabile.

Comincia dal “Punto 1” della mia strategia e scoprirai cose di cui non sospettavi neanche l’esistenza legate al mondo dell’oro, e che devi assolutamente sapere prima di mettere piede in negozio e posare il tuo oro sul bancone.

Per poter affrontare una trattativa sperando di avere qualche possibilità di uscirne vincitore, devi quanto meno:

  • sapere cosa significa caratura dell’oro
  • come capire se sta tentando di imbrogliarti sul peso dei tuoi gioielli
  • conoscere la quotazione odierna dell’oro in borsa e sapere come ricavare quella del 18 carati (prendo per scontato che la maggior parte dei tuoi gioielli avrà 750 millesimi parti di oro)
  • avere chiaro in mente quanto puoi spingerti nella trattativa senza sparare cifre a caso che vanno totalmente fuori mercato e ti tolgono credibilità.

Già, ti assicuro che quando appare evidente che la controparte non ha competenza in materia, escono fuori argomentazioni davvero improbabili a cui ti sarà difficile controbattere perché effettivamente, non hai la benché minima idea di cosa ti stiano dicendo.

“Si, ma come faccio ad imparare tutte queste cose?”

Ma te l’ho già detto! Spulcia gli articoli del mio blog e trovi davvero ogni tipo di informazione utilissima per:

  1. non farsi fregare
  2. spuntare un prezzo migliore
  3. tornare a casa con il sorriso di chi ha chiuso un bell’affare

In ogni caso il consiglio più grande che posso darti è: NON inventarti quotazioni fatte da altri concorrenti!

Se fai male i conti, e il prezzo che provi a chiedere è fuori mercato, qualunque tua obiezione futura non avrà alcun peso. Verrai immediatamente etichettato come “quello che ce sta a provà!”, detto più semplicemente “il cazzaro”. Difficilmente otterrai una quotazione migliore.

Anche se ne ho già abbondantemente parlando nel mio blog, voglio sottolineare ancora una volta la domanda che NON devi fare all’inizio della trattativa.

“A quando sta l’oro oggi?”

Con questa domanda prendi una strada fatta di mezze verità, tranelli e supercazzole incredibili.

L’unica cosa che davvero ti interessa è:

“Quanti soldi mi dai per questo oro?”

Leggi l’articolo in cui spiego bene perché è così importante concentrarsi su questa domanda. Clicca qui per l’articolo.

Ok, siamo agli sgoccioli… prima di fare qualunque cosa, passa in rassegna tutti i miei articoli e impara le basi su questa materia.

Ti saranno davvero utili per impostare una trattativa da vero venditore e uscire vincitore dalla trattativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *