Ecco le risposte alle tue principali 7 domande sulla vendita dell’oro usato

Le 7 domande sull'oro usatoVendere oro usato può diventare davvero un’impresa in questi ultimi tempi.

Mai come in questo periodo infatti si parla di compro oro, oro usato, quotazioni, borsa, carati. Tutti sembrano diventati grandi esperti, parlano di quotazioni in dollaro per oncia, kitco, nominano la FED (la banca centrale degli Stati Uniti), azioni, obbligazioni, andamento toro, andamento orso

pregoooooo?!?!?

 

Tu in realtà volevi solo vendere qualche bracciale e collana che ti hanno regalato alla prima comunione. Non li hai mai indossati, sono nel cassetto a prendere polvere da una vita, e pensavi che non è male l’idea di vendere quei gioielli d’oro quasi dimenticati per toglierti un sfizio o coprire una spesa.

Fino ad oggi non ti è mai importato nulla di quanto possa valere un’oncia di oro sul mercato americano. Magari l’oro nemmeno ti piace!
Ti parla il sottoscritto che ci lavora da anni ma indossa solo la fede perché costretto (non diciamolo a mia moglie!).

Possibile che sia davvero così faticoso vendere oro, metterti in tasca un po’ di soldi e andare felicemente a spenderli come ritieni più opportuno?

La risposta è semplice: SI!

Conoscendo però pochi concetti di base fondamentali, puoi uscire da un compro oro a testa alta con in tasca il ricavato di una vendita al giusto prezzo di mercato e la soddisfazione di essere sopravvissuto con onore alla trattativa.

Perciò vediamo ora come farti chiarezza…

…alla fine di questo articolo sarai un Illuminato e non ci saranno più segreti per te.

In sostanza, tutto quello che vuoi sapere è il cosiddetto ABC dell’oro, quel tanto che basta per recarti in un compro oro e non fare la faccia da pesce alle parole del commesso che cerca di spiegarti quanto valgono i tuoi gioielli.

Non sono molte le cose che devi sapere. E quelle importanti sono semplici da capire e facili da ricordare. L’unico problema è che mai nessuno te le ha spiegate, o se l’ha fatto ha utilizzato termini tecnici troppo complicati. Insomma, ha fatto il figo e tu non hai capito granché.

Sarò quindi il più chiaro e sintetico possibile, arrivo diretto al punto e ti dico solo quello che ti serve sapere.

1 – Che significa oro 18 carati?

La caratura esprime la percentuale di oro che c’è all’interno della lega di cui è composto un oggetto prezioso. Il gioiello che hai in mano infatti è una lega di metalli, non è oro puro. Quando diciamo 18 carati, intendiamo che per il 75% è fatto di oro e per il 25% di altri metalli come nichel, rame, argento, ecc.

Il gioiello non è realizzato in oro puro perché altrimenti sarebbe troppo morbido, si piegherebbe facilmente e si consumerebbe con altrettanta facilità. Non sarebbe insomma un buon gioiello. Inoltre gli altri metalli che vengono inseriti nella lega servono anche a dare il colore. Se per esempio vuoi ottenere l’oro rosso, il 75% è oro, il 4,5% sarà argento e il 20,5% sarà rame.

Probabilmente parlando di oro il numero 75 ti suona familiare, questo perché molto spesso l’oro 18 carati viene chiamato anche “oro 750”. Il motivo è intuitivo: la composizione dell’oro viene espressa in millesimi, quindi 750 millesimi parti sono di oro, 250 millesimi altri metalli.

L’oro ovviamente non è solo 18 carati, ci sono numerose carature. Esiste ad esempio il 22 carati, molto utilizzato nei paesi arabi, composto da 916 millesimi parti di oro. Assai più facile è imbattersi nell’oro 14 carati, frequentemente utilizzato nei paesi dell’est, così come in America. Il motivo è scontato: costa poco ma fa scena!  😎

2 – L’oro bianco vale quanto l’oro giallo?

Questa domanda mi è stata fatta centinaia di volte. Seguendo il ragionamento fatto poco fa, la risposta vien da se. Non conta il colore del gioiello ma solo quanto oro c’è all’interno della lega, cioè la caratura. Se l’oro è 18 carati ma è bianco, vuol dire che è composto dal 75% da oro e dal 25% da argento, nichel o palladio. Vale esattamente come l’oro giallo 18 carati.


Il colore dell'oro non influisce sul suo valore. L'unica cosa che ne
determina il valore è la caratura.

3 – Le pietre preziose come vengono valutate? 

Se poni questa domanda a qualunque compro oro che non ha un gemmologo interno (il 95%) e che soprattutto non è seriamente  intenzionato a lavorare nel settore delle pietre preziose, la risposta deve essere UNA e UNA SOLTANTO: “le pietre non le prendiamo e gliele ridiamo indietro.

Non esiste fare una valutazione approssimativa, non esiste mettere le pietre sulla bilancia insieme al tuo anello e prenderle a peso (qualcuno lo fa davvero!). E’ assolutamente poco serio, non professionale e soprattutto ti stanno sottovalutando il tuo diamante.

Potrebbe anche esistere il caso in cui il diamante è così piccolo che non vale la pena smontarlo, perché si romperebbe e perché non sarebbe comunque vendibile a parte. Solo in questo caso è giustificato l’acquisto del gioiello senza considerare la pietra. Il compro oro stesso non avrà nessun guadagno nel prendere quel diamante.

4 – La collana è praticamente come nuova, non l’ho mai messa. Vale di più?

La domanda è lecita ma è posta male. Dovresti chiedere “Se la collana è rotta me la valuti meno?”. La risposta sarebbe “No, tanto è destinata alla fusione”.
Purtroppo non importa in che stato si trovi il tuo gioiello, sia che si trovi in perfette condizioni o che sia rotto e praticamente da buttare, in entrambi i casi la destinazione di quell’oro è la fonderia. L’oro verrà fuso, trasformato in verga e venduto.

Ovviamente ci sono le eccezioni. Un gioiello firmato ha sicuramente molte più possibilità di essere acquistato ad un valore maggiore, ma solo se il compro oro valuterà che possa ricavarne di più vendendolo al dettaglio come oro usato. Solo in questo caso potrai far valere tutta la tua abilità nella trattativa.

adv-video-blog

5 – Posso impegnare l’oro e riprenderlo tra un paio di mesi?

Nessun compro oro può prendere oro in pegno. Lo ripeto, nessuno compro oro può prendere oro in pegno. Se hai trovato qualcuno che sia disposto a farlo sappi che sta infrangendo la legge, e qualora venisse scoperto saresti responsabile anche tu.

Il servizio di pegno, ossia prendere dell’oro a garanzia di un prestito di denaro, è un tipo di attività ben distinta, diversa dalla compravendita di oggetti preziosi.

6 – Pagamento in contanti che vuol dire? Se ti porto un chilo d’oro mi paghi in contanti?

Premetto che se hai un chilo d’oro da vendere contattami subito che diventeremo presto ottimi amici! A parte gli scherzi, pagamento in contanti si intende entro i termini di legge stabiliti.

Che significa questo? Vuol dire che il tetto massimo di transazioni in contanti per l’oro usato è pari a 499 euro. Oltre questa cifra il pagamento deve essere tracciabile, quindi deve avvenire con assegno o bonifico bancario.

Ti suggerisco ora però un piccolo e semplice trucco per vendere il tuo oro a cifre superiori ai 499 e prendere comunque i contanti senza infrangere la legge.

Se devi vendere un po’ di oro per un valore complessivo mettiamo di 900 euro, fallo insieme a un’altra persona, va bene anche tua moglie o marito, un figlio, un amico, purché sia maggiorenne. Ognuno di voi venderà parte di quell’oro pari a 450 euro facendo due transazioni distinte, ognuno con il proprio documento alla mano. Uscirete dal negozio con 900 euro e con la coscienza a posto di non essere diventati fuori legge.  😛

7 – A cosa serve il documento? Dovrò pagare le tasse sull’oro che vendo?

Andiamo con ordine. Il documento è fondamentale perché la transazione deve essere registrata su un apposito registro vidimato dalla Questura.

Questa operazione viene fatta per evitare che avvengano operazioni illecite e affinché rimanga traccia della vendita. Per semplificare diciamo che è una sorta di scontrino fiscale, scrivere l’operazione serve per lasciare un’evidenza della compravendita. Inoltre scoraggia i malfattori a vendere oro di provenienza “dubbia” al primo compro oro che trovano.


Diffida fermamente da quei negozianti che non ti richiedono il documento.
Non stanno rispettando la legge e tu di conseguenza farai altrettanto.

Per quanto riguarda le tasse, tranquillo…i lunghi tentacoli dello Stato non arrivano fin li, i soldi che ricavi dalla vendita del tuo oro usato sono liberi da tasse. Per una volta i soldi che ti metti in tasca sono solo tuoi!  😉

 

49 pensieri su “Ecco le risposte alle tue principali 7 domande sulla vendita dell’oro usato

  1. Un compro oro m ha pagato un braccialetto per oro ed ora mi chiede la restituzione dei soldi perché l’oggetto e’ d’argento. Può farlo? Non lo trovo corretto..

    • Se il bracciale è effettivamente il tuo ed è argento, è evidente che l’addetto del compro oro ha commesso un errore nel valutarlo.
      Eticamente sarebbe corretto restituire i soldi e riprendere il bracciale. Tecnicamente non sei obbligata a farlo.
      Sta a te scegliere se essere onesta oppure approfittare dell’errore di un altro.
      Nel secondo caso, bhè…poi non ci lamentiamo del mondo che va a rotoli.
      Siamo tutti bravi a puntare il dito contro gli altri. Ma quando tocca a noi essere persone migliori, come ci comportiamo?
      A te la scelta.

      • Ciao! Ho trovato poco tempo fa un braccialetto con ancora la targhetta del prezzo attaccata,probabilmente caduta a qualche gioielliere mentre sistemava la vetrina. La domanda è posso scambiarla o c’è rischio di una denuncia? Insomma non l’ho rubata non è stato un errore mio. Viaggio spesso per l’Italia, se dovessi scambiarla in qualche altra città ci sarebbe rischio? Grazie

          • Allora, diciamo che NESSUNA gioielleria mette oggetti in oro in una vetrina che si apre da fuori.
            Anche volendo non possono farlo perché non rispetta i requisiti di sicurezza obbligatori per legge e approvati dal commissariato di competenza.

            Quindi, premesso questo, facendo per assurdo che la tua versione fosse vera, non l’ha perso “qualche” gioielliere ma sai esattamente a chi è caduto e a chi appartiene.

            L’etica e il buon senso dovrebbe spingerti a entrare in quella gioielleria e restituirlo.
            Poi sei liberissima di venderlo in qualunque Compro Oro perché nessuno saprà mai che il bracciale l’hai “trovato” tu.
            In sostanza, nessuno ti farà domande a riguardo.

            Sta a te scegliere come comportarti.

  2. Buongiorno! io ho un braccialetto d’oro bianco, diamantini e zaffiri per la quale ho chiesto il valore ufficiale all’azienda che l’ha prodotto… credo che per rivenderlo non debba portarlo dal classico compro oro… secondo voi l’azienda lo potrebbe riprendere? (mai indossato questo bracciale)

    • Generalmente le aziende che producono gioielli non li riacquistano indietro.
      Hai solo due strade:
      – chiedere a una gioielleria o compro oro che fa rivendita di oro usato se sono disposti a comprare il tuo gioiello oppure a prenderlo in conto vendita
      – andare in un compro oro serio, farti smontare le pietre che riprenderai, e vendere solo l’oro di cui è fatto il bracciale

  3. Buonasera la mia domanda è questa vendendo oro usato con tanto di documenti tutto corretto .Chi può sapere che io ho venduto il mio oro. C’è la legge sulla privacy o ci sono enti che possono saperlo .E magari se qualcuno vuole saperlo glielo possono dire???

  4. Ciao, sono riuscito dopo diversi mesi di raccolta da vari componenti elettronici e attraverso diversi trattamenti chimico-fisici, ad ottenere alcuni(pochi) grammi di oro da questi, che dovrebbero a questo punto essere 18-24k. La domanda è questa: se porto la pepitina fusa a un compro oro la accetteranno, e/o hanno un metodo per verificare la purezza, dato che comunque l’eventuale bracciale/anello sarebbe andato in fonderia lo stesso?

      • Sono stato da un compro oro per sentire che mi dicevano…nonostante la prova di sfregamento e poi con la gocciolina di acido, sono stati molto vaghi e non mi hanno saputo dire la caratura (tra un sacco di se e ma…), dicendomi che prima la dovevano spedire in fonderia e poi si vedeva…é una cosa difficile da sapersi così su due piedi oppure era un’incompetente la tizia del negosio?(che a occhio e croce potrebbe essere)

        • Non posso giudicare con precisione perché non so che tipo di oggetto hai portato a valutare.
          Può essere davvero un caso complicato da giudicare con il solo acido test, oppure può essere come dici tu incompetenza della persona.
          Purtroppo non ho abbastanza elementi per darti una risposta esatta.
          Nel frattempo guarda questo video su YouTube in cui spiego proprio il giochino che fanno con le carature:
          http://bit.ly/2kiUZ8v

    • Dipende da diversi fattori. Da quanto tempo l’hai venduto? È un gioiello che era in condizioni di essere rivenduto oppure è probabile che sia stato destinato alla fusione?
      Tra l’altro non è detto che il Compro Oro a chi ti sei rivolta faccia anche rivendita dell’oro usato.
      Da me per esempio hai la garanzia “Tasche Piene”. Se entro 48 ore ci ripensi, mi riporti i soldi e ti restituisco l’oro.
      Purtroppo però è una cosa che faccio solo io nei miei Compro Oro per i miei clienti.

  5. Alcuni mesi fa ho trovato in ospedale dove lavoro in un piazzale esterno una catena d’oro con una medaglia. L’ho raccolta e mi è rimasta in un cassetto. l’ho portata presso un Compro Oro che mi ha chiesto però i documenti ed io per paura di essere denunciato ho rinunciato al suo acquisto. Non so cosa fare, mi sembra disonesto non consegnarla presso un commissariato di Polizia e poi temo per l’appunto per la mia incolumità. Nessuno sa che la ho io e che l’ho trovata ma la mia coscienza mi bacchetta….

  6. A me è stato regalato una collana , degli orecchini e un bracciale della tiffany e co in argento. Avevo intenzione di venderli dal momento che non li ho mai messi e
    so che oltre all’oro si può vendere anche l’argento nei negozi .
    Mia zia quando me li ha regalati però non mi ha lasciato nessun documento d’acquisto.
    Si possono vendere lo stesso?

  7. Buongiorno io ho una fede nuziale in oro bianco e giallo, della mia ex moglie, piuttosto che lasciarla a casa preferirei farla fondere, quanto potrei guadagnare? Grazie

  8. Ciao! Ho venduto un bracciale con documento, codice fiscale, tutto corretto. Mi ha lasciato anche una fotocopia di ricevuta. Il mio dubbio è se nonstante io fossi maggiorenne non voglio che si sappia a casa. Mi arriverà qualcosa a casa? Tipo lettera..

  9. Salve
    Se il compra oro ti valuta il peso dell’oro al 750
    (Esempio: 10g ÷750 x prezzo dell’oro attuale)
    Ti sta ingannando o é una giusta valutazione?
    Grazie

  10. Salve.ho trovato un bracciale d oro per strada,so che avrei dovuto portarlo all ufficio oggetti smarriti,ma.sinceramente di questi tempi ho pensato che qualche.soldo in tasca pup far comodo.sono andato dal compro oro e me lo ha valutato 800 euro.al che mi son preso i soldi,800 euro fanno veramente comodo e posso pagarmi qualche spesa che ho in questo periodo.adesso la mia domanda è,rischio qualcosa a livello penale se qualcuno sporgesse denuncia?

    • Se il bracciale non è oggetto di furto, non rischia nulla.
      Al contrario, se dovesse essere un articolo di una refurtiva ed emerge che lei ha venduto proprio quel bracciale, potrebbe dover rispondere di ciò.

      Quello su cui invito a riflettere è: non sarebbe il caso di farsi queste domande PRIMA di agire?

  11. È giusto che per determinare il prezzo di un bracciale in oro 750 bisogna togliere il peso del materiale non oro? Quindi se un oggett pesa 10 grammi il negoziante me ne riconoscerà solo 7,5?

  12. Ho venduto per urgenza una collana d’oro ci. Una croce di 5 diamanti 032 più altri piccoli in tutto ero 1k lui per mia dato solo otto centro senza mess scontrini e nulla, penso non sia legale la rivorrei perché mi ha mentito, ovviamente la ripago 800 e possibile

    • Non conoscendo bene i fatti l’unica cosa che posso consigliarti è di tornare al Compro Oro a cui ti sei rivolto e chiedere chiarimenti.
      Ripeto quello che dico sempre: le riflessioni vanno fatte prima di vendere, non dopo quando ormai è tardi.

      E’ per questo motivo però che ho creato la Garanzia “Tasche Piene”. Proprio per evitare queste spiacevoli situazioni, do la possibilità ai clienti di ripensarci entro 48 ore e annullare la transazione.

      Da quanto ne so, sono l’unico che lo fa in Italia.

  13. Buongiorno, nel suo articolo,al punto 7,dice (cito) “Per quanto riguarda le tasse, tranquillo…i lunghi tentacoli dello Stato non arrivano fin li, i soldi che ricavi dalla vendita del tuo oro usato sono liberi da tasse. Per una volta i soldi che ti metti in tasca sono solo tuoi!”.
    Ora non capisco se parla solamente di oro usato od anche di monete d’oro(leggi sterline,marenghi etc)ed oro in lingotti,visto che,a quanto mi risulta, su questi ultimi grava la tassa sul Capital Gain.
    Ringrazio anticipatamente per il chiarimento.

  14. Buongiorno siete presenti in trentino? Io vorrei vendere la fede in oro giallo e bianco e possibile? Quanto potrei ricavarne?

  15. Buongiorno. Ho trovato nel mio portagioie qualche collana ed un braccialetto d’oro. Sopra ad una collana non vedo la punzonatura ma solo la scritta B0. Volevo capire di che materiale si tratta tenendo conto che questa collana mi è stata regalata dall’estero e se prima di andare da un compro oro è meglio farsi fare una valutazione anche da un gioielliere.grazie mille

    • B0 non è un codice relativo al tipo di metallo quindi non si può evincere la caratura da questo.
      Riguardo la sua ultima domanda, per quale motivo pensa che la valutazione di un gioielliere sia più affidabile di un Compro Oro?
      Quando acquistano oro, la gioielleria e il compro oro, fanno entrambi la stessa cosa, con la differenza che un Compro Oro è specializzato nel fare solo quello, quindi, se ne trova una serio e professionale, otterrà sicuramente una valutazione migliore.

  16. buongiorno, qualche settimana fa ho ACQUISTATO in un compro oro un ciondolo ricondizionato immagino, essendo un ciondolo di una nota casa. La signora al momento dell’acquisto mi ha chiesto i documenti di identità e ha fatto anche la fotocopia. Chiedo, ma è normale che io acquirente finale debba fornire i miei documenti, e soprattutto è lecito che lo facciano? facendomi firmare dei documenti per til trattamento dei dati? sinceramente quando acquisto in una gioielleria nessuno mai mi ha chiesto i documenti di identità. mi è stata rilasciata la fattura con i miei dati e l’importo e la descrizione di ciò che ho acquistato. ma questa procedura è necessaria anche per chi acquista?grazie anticipatamente

    • Buongiorno Lina,
      le confermo che hanno operato correttamente.
      Quando acquista oro usato la transazione deve essere registrata e vanno riportati i dati dell’acquirente.
      Per l’oro nuovo non è necessario, solo per l’oro usato.

      Sull’assurdità della differenza di trattamento tra nuovo e usato possiamo essere d’accordo ma la legge prevede questo quindi va rispettata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *