Privacy Policy

Allergia oro

allergiaoro

Allergia oro

Stavi indossando un bellissimo bracciale in oro quando all’improvviso hai cominciato a provare un prurito così intenso che hai dovuto per forza sfilare il gioiello dal polso. 

Una volta averlo tolto ti accorgi che la zona è tutta rossa, c’è un piccolo sfogo cutaneo e il fastidio è sempre più forte.

Cosa può essere successo? Si può essere allergici all’oro?

Ebbene sì, non esiste solo l’allergia alla Bigiotteria come si tende in genere a pensare. 

Allergia all’oro e allergia alla Bigiotteria sono uniti da un unico comune denominatore, cioè il Nichel, un metallo pesante che si trova anche in minime quantità nel nostro corpo e in quantità maggiori in tanti oggetti che usiamo nella vita di ogni giorno.

Se la cosa adesso ti suona strana, le informazioni che sto per darti chiariranno ogni tuo dubbio.

Uno studio del 2001, in cui sono state testate più di 4000 persone, rivela che ben il 9% fra loro era allergica “all’oro” o meglio, era allergica alla lega metallica a cui l’oro puro deve essere unito per poter creare gioielli che durino nel corso del tempo. 

L’oro puro è infatti troppo malleabile e non può essere usato in Gioielleria, deve per forza essere unito ad altri metalli per garantire all’oggetto prezioso una consistenza tale da renderlo resistente agli urti

La caratura indica proprio la percentuale con la quale l’oro puro è presente nel Gioiello e la più diffusa in Italia è il 18 carati (o oro 750) in cui abbiamo appunto 750 parti di oro puro su 1000. 

Le altre 250 parti sono composte da una lega di metalli e fra questi, quello che tende a dare più problemi di allergia, è sicuramente il Nichel

Il Nichel è uno degli allergizzanti più forti che esistano, è un metallo duro e allo stesso tempo malleabile che viene utilizzato proprio per queste sue proprietà nella composizione di varie leghe metalliche, tra le quali anche quella dell’acciaio inossidabile.

Ha un costo basso e un forte potere sbiancante ed ecco perché il suo utilizzo in Gioielleria è sempre stato davvero rilevante.

Nei vecchi Gioielli ne veniva usato molto ed infatti nel 2011 una legge ne ha limitato la presenza in Bigiotteria e Gioielleria massimo allo 0,05%. 

Avendo un così alto potere allergizzante, può accadere che all’improvviso il sistema immunitario lo riconosca come sostanza da cui difendersi e inizi a proteggersi ad ogni contatto col metallo stesso portando gonfiore, bruciore e delle piccole eruzioni cutanee.

Come puoi riconoscere una reazione allergica da contatto al nichel?

La reazione allergica a questo mix di metalli si presenta con gonfiore, eruzioni cutanee, pruriginosità, gonfiori, macchie scure e piccole vescicole nella zona interessata. la pelle è desquamata e più secca

allergiaoro

Come si cura la reazione allergica da contatto?

Puoi usare crema al cortisone da banco se la reazione è leggera, altrimenti devi contattare il tuo medico di base che valuterà se chiedere il parere di un allergologo e fare ulteriori indagini.

Le conseguenze della dermatite allergica causata dal Nichel sono importanti anche semplicemente nel quotidiano, dato che questo metallo è presente in tanti oggetti come ad esempio le monete, le chiavi, le forbici, attrezzi da lavoro, negli utensili da cucina, bottoni, cinture, occhiali e anche nelle sigarette, cosmetici, detersivi.

Oltre all’allergia “da contatto”, si può essere allergici a questo metallo anche a livello alimentare, anzi spesso i due tipi di allergia sono strettamente collegati quindi se si è sviluppata una dermatite allergica, c’è un’alta possibilità che si sviluppi anche sul fronte alimentare e viceversa.

Diagnosticare allergia da contatto è piuttosto immediato, basta rivolgersi ad un allergologo e fare i Patch Test, mentre individuare l’allergia alimentare è più complesso, non esiste un test specifico e si inizia semplicemente eliminando dalla propria dieta alimenti come pomodori, caffè, cacao, spinaci, frutta secca, frutti di mare.

Non ci inoltreremo nel discorso alimentare che non è davvero il nostro campo ma quello che per noi ora è importante sottolineare è che generalmente non è l’Oro puro  in quanto tale a creare allergia  da contatto ma gli altri metalli a cui viene legato e tra questi ruolo centrale spetta soprattutto al Nichel.

Le indicazioni pratiche che possiamo dare per cercare di limitare quanto più possibile il contatto con il Nichel, dato che non esiste una cura a questa allergia, possono essere riassunte così::

  • È più facile sviluppare dermatiti allergiche indossando Gioielli di qualche anno rispetto a quelli creati dopo la normativa del 2011, quindi via libera ai Gioielli più moderni
  • Più la percentuale di oro è alta e meno si incorre nella probabilità di manifestare reazioni allergiche, viceversa più scegliamo oggetti di carature basse più è facile poter sviluppare reazioni improvvise (motivo in più per prestare attenzione nel momento dell’acquisto e scegliere sempre Gioielleria in oro 18 carati se si vuole scegliere un Gioiello che duri nel tempo in tutta la sua bellezza);
  • E’ più probabile sviluppare dermatite da contatto indossando Gioielli in oro bianco dato che per ottenere oro bianco serve una percentuale di Nichel leggermente più alta rispetto a quella usata per creare Gioielli in oro giallo o rosa, dove l’oro  puro viene unito per lo più  rispettivamente ad argento e rame.
  • Per quanto riguarda la Bigiotteria, esiste una etichetta “nichel free” che di fatto però non assicura che in quel determinato gioiello non sia presente in Nichel. 

Una piccola quantità di questo metallo potrebbe essere presente negli strati più interni e è potrebbe creare comunque problemi al soggetto allergico.

Esiste però la possibilità di essere allergici all’oro? Sì, sono davvero basse in percentuale ma secondo un recente studio del Medical Life Science sarebbe possibile essere allergici all’oro.

Anche essendo un metallo nobile, neutro e quindi considerato non allergenico, solo in rarissimi casi può scatenare allergia.

Esiste anche un test per la diagnostica usato per lo più dai dentisti prima di fare lavori odontotecnici per assicurarsi che il paziente non sia allergico all’oro usato nelle otturazioni.

E’ comunque una possibilità davvero rara questa, quindi possiamo affermare senza dubbio che se si manifesta una reazione allergica indossando un Gioiello in oro, è perché molto probabilmente si è allergici alla percentuale di Nichel presente nella lega.

Se hai degli oggetti datati che non usi più da tempo perché non ti piacciono più o perché appunto ti creano problemi di allergia, non esitare a contattarci presso uno dei nostri punti vendita OroEtic dove un Consulente sarà a tua completa disposizione per chiarire ogni tuo dubbio.

Abbiamo 5 sedi: 

E’ un momento molto vantaggioso per vendere Oro, le quotazioni del puro sono ancora ai massimi storici quindi liberandoti ora dei preziosi buttati nel cassetto da anni per le motivazioni più varie, otterrai cifre in tasca che davvero non ti aspetti.

In più sottoscrivendo la nostra Gold Experience avrai riservati a te 4 bonus imperdibili.

Dai un’occhiata qui https://www.vendereorousato.com/gold-experience/ e ti aspetto in uno dei nostri negozi.

Le tue preferenze relative alla privacy